L'impegno di Coop Equipe Medica
×

Malattie infantili

Malanni di stagione

bambino con influenza

E’ arrivato l’autunno… ricomincia il tran-tran di tutti gli anni: scuola, lavoro, sport, etc… e tra poco arriveranno, con i primi freddi, anche i primi malanni di stagione… etciù, etciù!

I malanni di stagione sono proprio una tragedia per ogni genitore da quello più apprensivo per cui ogni piccolo raffreddore maschera in realtà una patologia broncopolmonare gravissima a quello più “sportivo”, che magari non si preoccupa un granché anche se il figlioletto va in apnea tutta la notte. Proprio per evitare forme gravi di patologie la cosa migliore è la prevenzione.

Inoltre uno dei pensieri ricorrenti per i genitori che lavorano è “dove lo lascio ora?”. A scuola non li vogliono, a casa non c’è nessuno, i nonni potrebbero ammalarsi anche loro e allora di sicuro come al solito la cosa migliore è, di nuovo, la prevenzione.

Dunque proprio in questo periodo fioccano cure immunostimolanti che vanno da prodotti “vaccinali” a prodotti del tutto naturali a base di minerali e vitamine e sostanze che dovrebbero stimolare il sistema immunitario dei nostri bambini cercando di scongiurare il ripetersi di malanni difficili da gestire non tanto per gravità quanto proprio nei loro riflessi pratici sulla vita di tutti i giorni.

Personalmente non sono contraria agli immunostimolanti naturali, ma mi viene un po’ da sorridere pensando che la gran parte delle sostanze naturali in essi contenute potrebbero essere introdotte nell’organismo, senza ricorrere a goccine o pasticchette, semplicemente mangiando in maniera corretta e soprattutto variando l’alimentazione. Di sicuro ne guadagnerebbe il palato e perché no anche il portafoglio. Nulla toglie poi di ricorrere a qualche integratore, che, però, come dice la parola stessa, dovrebbe integrare e non sostituire l’introduzione di quello specifico elemento.

In effetti gli ingredienti più comunemente contenuti negli integratori sono:

  • Vitamina C: contenuta soprattutto in agrumi, kiwi, lattuga, spinaci, broccoletti, cavoli, cavolfiori, etc…
  • Miele
  • Vitamina E: contenuta soprattutto in olio extravergine di oliva, mandorle, nocciole, etc…
  • Zinco: contenuto soprattutto in pesce, carne rossa, cereali
  • Beta-glucani: contenuti soprattutto nella crusca, nell’avena, nei funghi
  • Vitamina D: contenuta soprattutto in pesci grassi, uova, formaggi grassi.

Ecco, la vitamina D merita un capitolo a parte poiché la sua produzione viene stimolata soprattutto dall’esposizione al sole e tendenzialmente il fabbisogno nei bambini/adolescenti in genere non è garantito e se ne consiglia comunque l’integrazione nel periodo autunno/invernale.

Quindi, in conclusione, ce n’è davvero per tutti i gusti e come sempre la natura, proprio grazie ai prodotti di stagione, ci facilita l’introduzione dei nutrienti di cui abbiamo bisogno e che ci garantiscono una buona salute. Se poi uniamo l’efficacia dell’integrazione di certo il sistema immunitario dei nostri bambini dovrebbe essere stimolato a sufficienza… e se poi raffreddore sarà, curiamolo con copertina, coccole, e tanti baci. Etciù!

Dott.ssa Alessandra Piedimonte
Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica
Alessandra Piedimonte