L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

Carciofi al tonno

Carciofi al tonno

Carciofi al tonno

Quantità per: 4 porzioni (2 adulti e 2 bambini)

Carciofi al tonno

Ingredienti

  • 4 carciofi
  • 160 g. di tonno al naturale
  • 200 g. ricotta di mucca
  • 50 g. parmigiano grattugiato
  • 2 tuorli d’uovo
  • Succo di un limone
  • Sale q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

  1. Pulite i carciofi eliminando la parte esterna del gambo e le foglie esterne più dure. Scavate con uno scavino la parte interna dei carciofi per togliere la parte fibrosa, senza però rompere la corona esterna del cuore. Separate il gambo dal cuore del carciofo. Man mano che li pulite, ponete i carciofi in una bacinella con acqua e limone spremuto, affinché non anneriscano. Scolate bene il tonno asciugandolo con carta da cucina. Nel robot da cucina amalgamate la ricotta, il tonno, i gambi dei carciofi, i tuorli d’uovo, il parmigiano grattugiato e un pizzico di sale, fino a ottenere un composto solido.
  2. Togliete i carciofi dall’acqua e limone e lessateli in acqua bollente per circa 10 minuti, stando attenti a non farli diventare troppo molli. Scolateli, fateli freddare e farciteli con il composto preparato in precedenza. Una volta farciti, sistemateli in una teglia, versate sul fondo circa mezzo bicchiere di acqua con 2 cucchiai di olio. Irrorate il ripieno con un filo d’olio e fate cuocere in forno a 180° per circa 30-35 minuti.

Proprietà nutrizionali e note

Il tonno è in genere un tipo di pesce molto apprezzato dai bambini, forse anche per il suo sapore in parte più vicino alla carne. Quando si sceglie un tonno in scatola, cerchiamo di preferire quello “al naturale” (in genere meno sapido), a cui aggiungeremo del buono olio extravergine d’oliva. Attenzione però: a causa dell’inquinamento dei mari e al processo di biomagnificazione (l’accumulo di sostanze tossiche negli esseri viventi, con un aumento di concentrazione man mano che passiamo dai piccoli ai grandi predatori) si consiglia di non mangiare più di 2 porzioni a settimana di grandi predatori marini (come, ad esempio, proprio il tonno, ma anche il pesce spada).