Sapori di stagione

Gli asparagi

Disponibili da fine inverno a primavera inoltrata gli asparagi sono ricchi di fibra, vitamina A, C, E, acido folico, sali minerali e fitonutrienti. Ottimi per risotti, frittate, vellutate, tortini, paste ripiene, insalate.

Gli asparagi

CARATTERISTICHE: l’asparago è una pianta erbacea che appartiene alla grande famiglia delle Liliacee. Esistono due varietà: l’asparago coltivato (Asparagus officinalis) e l’asparago selvatico (Asparagus acutifolius), che cresce spontanea nelle campagne, nei pascoli e nei boschi. Francia, Germania e Italia sono i maggiori produttori di asparagi.  A seconda della zona, nel nostro paese possiamo trovare asparagi di colore verde, bianco, rosa e violetto.

STAGIONE: gli asparagi sono ortaggi tipicamente primaverili. La loro raccolta inizia a fine inverno e si protrae fino a primavera inoltrata.

CURIOSITA’: gli asparagi erano conosciuti già nel  4000 a .C dagli Egizi, che diffusero la loro coltivazione nel bacino del Mediterraneo. Come testimoniano gli scritti di Plinio nel “Naturalis Historia” e di Catone nel “De Agricoltura”, gli asparagi erano molto apprezzati anche dagli antichi Romani.

 

ASPARAGI (di serra)

 

Per 100 g.

Acqua

92%

Proteine

3 g.

Lipidi

0,1g.

Glucidi

3g.

Fibra

2,1g.

Kcal

24

Vitamine

Vit. A, C, E, ac.folico.

Sali minerali

Potassio, fosforo, calcio, cromo e zolfo.

 

PROPRIETA’ NUTRIZIONALI: gli asparagi sono ortaggi da molte proprietà nutrizionali benefiche. Poveri in calorie, forniscono fibra, vitamina A, C, E e acido folico. Inoltre sono particolarmente ricchi di sali minerali come potassio, fosforo, calcio, cromo e zolfo. Tra le sue proprietà benefiche troviamo la sua ricchezza in fitonutrienti, come le saponine, l’asparagina (un diuretico naturale)  e l’inulina che migliora l’attività intestinale.

COME SCEGLIERE: al momento dell’acquisto gli asparagi devono avere le punte ben chiuse e i gambi sodi. Inoltre la parte finale dei gambi non deve apparire secca e legnosa.

CONSERVAZIONE: gli asparagi possono essere conservati in frigorifero, in un sacchetto di plastica e con l’estremità dei gambi  avvolta con carta assorbente umida. Vanno lavati solo prima di cuocerli, facendo attenzione a lavare bene le punte con acqua fredda.

IN CUCINA: dopo aver eliminato l’estremità finale del gambo più dura e dopo averli pelati con un coltellino se i gambi sono molto grossi, gli asparagi possono essere lessati legati con uno spago da cucina,  cotti al vapore, saltati in padella o grigliati. Con gli asparagi si possono preparare degli ottimi risotti, frittate, vellutate, tortini, paste ripiene, insalate, ecc.

Maria Anna Tomaselli, dietista.

Anna Maria Tomaselli, nutrizionista

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli Dietista

Con la supervisione di:

Pediatra Margherita Caroli ECOG SIO OMS

Dott.ssa Margherita Caroli (past president ECOG)

Prof. Andrea Vania - Alimentazione bambini

Prof. Andrea Vania (presidente ECOG; consiglio direttivo SIO)