L'impegno di Coop Equipe Medica
×

Stili di vita

Intossicazioni alimentari e igiene degli alimenti: utili consigli per prevenirle

Intossicazioni alimentari

 

Spesso si sente al telegiornale la notizia di bambini ricoverati dopo un pranzo in mensa o al ristorante o a casa per una intossicazione alimentare. Il problema delle intossicazioni alimentari, che interessa soprattutto i bambini e gli anziani, perché più sensibili, è, infatti, ancora molto presente in Italia e in Europa anche se si riscontra una certa tendenza al miglioramento. Come per ogni altra cosa, la conoscenza del pericolo è il primo passo per cercare di evitarlo e sconfiggerlo. Ma cosa sono le intossicazioni alimentari? Si possono distinguere tre tipi di malattie legate agli alimenti:

 

 

 

  1. le infezioni alimentari, che si manifestano in seguito ad ingestione di alimenti contaminati da microrganismi patogeni;
  2. le intossicazioni alimentari, dovute a ingestione di alimenti contaminati da tossine;
  3. le tossinfezioni, dovute a ingestione di alimenti contaminati da batteri e tossine contemporaneamente.

In genere, i sintomi sono lievi e riguardano soprattutto l’apparato gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea), ma alcune volte la sintomatologia può essere più grave, soprattutto nelle categorie di soggetti più sensibili, proprio come i nostri bambini.

A seconda del tipo di microrganismo o di tossina prodotta possono essere considerati a rischio diversi tipi di alimenti come latte crudo, formaggi non pastorizzati, carne non ben cotta, cibi inscatolati o conserve soprattutto se fatti in casa, acqua, frutta e verdure crude non adeguatamente lavate, uova, ecc… In sintesi, quasi tutti i tipi di alimenti.

Ricordiamoci inoltre  che alcune caratteristiche intrinseche agli alimenti possono favorire o sfavorire lo sviluppo del patogeno, ad esempio generalmente i cibi contenenti più acqua sono più a rischio rispetto a quelli disidratati, o ancora che l’acido citrico (contenuto nel limone) aumenta l’acidità dei cibi e può essere un deterrente allo sviluppo della flora microbica.

E allora come ci si può difendere?

Si potrebbe provare a non mangiare, ma non sembra proprio un’ottima idea, dunque basta solo mettere in atto delle preventive strategie igieniche alimentari.

Dopo il sempreverde consiglio di lavarsi sempre e il più spesso possibile le mani, si possono elencare altri consigli di prevenzione importanti:

  • Utilizzare utensili diversi per manipolare i cibi crudi e quelli cotti (soprattutto i taglieri e i coltelli sono importanti fonti di contaminazione degli alimenti)
  • Evitare il contatto diretto o indiretto (anche nel frigo) tra alimenti cotti e non
  • Non contaminare l’alimento mescolandolo con l’utensile utilizzato per l’assaggio
  • Lavare accuratamente gli utensili utilizzati per manipolare gli alimenti crudi (se i taglieri sono segnati o rigati evitare di utilizzarli ricordando che proprio in quelle “crepe” potrebbero permanere i patogeni)
  • Lavare accuratamente frutta e verdura soprattutto se andranno consumati crudi
  • Cuocere gli alimenti fino al cuore (facendo particolare attenzione alla carne se è molto spessa o ai preparati a base di carne come polpette o polpettoni o hamburger)
  • Cercare di consumare gli alimenti appena cotti, e se devono essere mantenuti per un breve periodo mantenere una temperatura non inferiore a 65°
  • Raffreddare velocemente tutti gli alimenti cotti o deperibili (almeno a 5°)
  • Cuocere rapidamente i prodotti refrigerati evitando lunghi periodi fuori dal frigo
  • Non scongelare i prodotti a temperatura ambiente
  • Nell’acquisto degli alimenti nei negozi, porre attenzione all’esposizione di certificati idonei di qualità e sicurezza alimentare, alla pulizia dell’ambiente, alla presenza del termometro vicino ai banconi

Alcuni consigli possono sembrare difficili da seguire, mentre altri sembreranno banali, ma la prudenza non è mai troppa, soprattutto quando si tratta della salute dei nostri figli, e per questo è altrettanto importante che anche loro imparino queste semplici norme, osservando i nostri comportamenti, in modo da essere fautori essi stessi della corretta igiene alimentare.

Dott.ssa Alessandra Piedimonte
Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica
Alessandra Piedimonte