L'esperto risponde

L’esperto risponde è il servizio di consulenza on line di alimentazionebambini.it.

In questa sezione puoi consultare l’archivio di risposte organizzate per Aree Tematiche e chiedere un parere alla nostra Equipe Medica che collabora con la Redazione.

Se hai un dubbio o un problema da sottoporci, segui le istruzioni e accedi al servizio.

  • La risposta del giorno

    Bambino che non vuole masticare

    • Nome: Giuseppe
    • Età del bambino:
    • Sesso: maschio
    • Comune:
    • Domanda: Buongiorno Dottore, ho problemi con mio figlio che non vuole masticare: il bambino ha 5 anni e ha il terrore di masticare. Mangia solo la pastina che gli preparo con le verdure, ovviamente frullate. Persino la frutta la vuole frullata . La pediatra mi ha consigliato una visita neuropsichiatra, mi hanno consigliato pure di portalo dalla logopedista.
    continua
    Dott. Ssa roberta mercurio nutrizione pediatrica

    Dott.ssa Roberta Mercurio

    Specialista in Scienza dell’alimentazione

    Cara mamma, per definire meglio l’entità del problema sarebbe interessante sapere se questo problema è presente da sempre o se Giuseppe ha avuto una regressione della masticazione solo nell’ultimo periodo.

    Spesso questo tipo di atteggiamento si manifesta nel passaggio dalle pappe cremose al cibo in pezzi, che viene rifiutato fin da subito, soprattutto quando si protrae troppo a lungo il consumo di alimenti omogeneizzati. Altre volte un bambino che sembra mangiar tutto all’improvviso, tra i 18 mesi e i 2 anni, inizia a rifiutare alcune consistenze per via di una selettività para-fisiologica tipica di quella età.

    In entrambi in casi può trattarsi di un periodo transitorio che si supera, con più o meno difficoltà, continuando a proporre le consistenze rifiutate. Se invece si tende ad assecondare il rifiuto del bambino (es. frullando il cibo non gradito) l’effetto che si ottiene è un protrarsi del problema che pian piano si amplifica, portandolo ad escludere sempre più alimenti. Se il caso di Giuseppe è quest’ultimo, cioè di un disturbo ormai cronicizzato che pian piano lo porta a restringere sempre di più la gamma di alimenti permessi, vi consiglio una valutazione multidisciplinare: neuropsichiatrica e nutrizionale.

  • Clicca qui per fare una domanda ai nostri medici