L'esperto risponde

Cosa fare quando il bambino mangia ma non aumenta di peso

  • Nome: Antonio
  • Età del bambino: 18 mesi
  • Sesso: maschio
  • Comune:
  • Domanda: Buongiorno ho mio figlio di 18 mesi ed è da 3-4 mesi sempre fermo al peso di 9,7 kg x 80 cm di altezza. Non è un gran mangione, ma comunque mangia. La sua tabella alimentare, mi sembra corretta: colazione, pranzo, yogurt a merenda ,cena. Abbiamo fatto tutte le analisi e sono tutte nella norma. Mi chiedevo può capitare che per 3-4 mesi un bambino della sua età non aumenti di peso. Mi può consigliare cosa fare o aggiungere eventualmente alla dieta?
Dott. Ssa roberta mercurio nutrizione pediatrica

Dott.ssa Roberta Mercurio

Specialista in Scienza dell’alimentazione

Caro papà, i dati di Antonio mostrano la “fotografia” di un bambino con dei percentili di crescita che al momento non destano preoccupazione. Può accadere che dopo l’anno di vita il peso rimanga stabile (o comunque aumenti ma in maniera poco significativa) per un determinato periodo di tempo, che comunque non dovrebbe superare i 6 mesi. Questo è determinato da un maggiore dispendio energetico (si muovono molto di più!) e non deve preoccupare se per il resto il bambino mostra benessere clinico.

L’altro dato da tenere in considerazione per poter stare tranquilli è la curva di crescita nel complesso: se ha avuto una crescita maggiore nei mesi precedenti ed ora ha solo rallentato per un breve periodo generalmente si può star tranquilli, sta solo tornando sui suoi percentili. In merito alle abitudini alimentari, bisognerebbe valutare dettagliatamente la composizione dei pasti e le porzioni per capire se c’è bisogno di apportare modifiche. Le consiglio, intanto, di dare un’occhiata agli articoli sulla corretta alimentazione dopo l’anno di vita.

Vi consiglio inoltre di ripetere un controllo di peso e statura con il pediatra a 6 mesi dal precedente e di considerare una consulenza nutrizionale laddove il medico curante individuasse delle problematiche nella dieta di Antonio.

  • Clicca qui per fare una domanda ai nostri medici