Skip to content

Malattie infantili

Cistite nei bambini: cause, sintomi e rimedi

Sono sintomi della cistite nei bambini dolore, bruciore, e stimolo a fare pipì. L'antibiotico non va auto-prescritto, come capire se l'infezione è batterica.

Pubblicato il 26.03.2024 e aggiornato il 26.03.2024 Scrivi alla redazione

Sono sintomi di esordio della cistite dolore o bruciore (o comunque fastidio) durante la minzione,si tratta infatti di una infiammazione delle vie urinarie. Il bambino spesso riporta una sensazione di puntura mentre svuota la vescica; più precisamente, questa sintomatologia fastidiosa dipende da una infiammazione dello sbocco dell’uretra, ovvero il canalino che conduce la pipì dalla vescica verso l’esterno.

Nei maschietti il bruciore durante la minzione può dipendere anche da una infiammazione nell’area del glande o del prepuzio.

La diagnosi spetta al Pediatra, le cause possono essere diverse

La causa principale della cistite, che può essere classificata come acuta o cronica, è un’infezione batterica, infatti il medico si adopererà per sgomberare il campo da questa eventualità e potrà prescrivere un esame di urinocoltura. Vi sono però altri fattori scatenanti, come funghi o virus, il consumo di alimenti non salutari e l’esposizione a un ambiente inquinato, nonché l’esposizione a sostanze irritanti, talora anche la cattiva o scarsa igiene, l’uso di certi farmaci o la presenza di malattie renali. Inoltre, i bambini con sistemi immunitari indeboliti possono essere più suscettibili al rischio di sviluppare cistite.

Cistite nei bambini. Urinocoltura: consente di rilevare nel campione di urina la presenza di batteri- alimentazionebambini. It by coop
Cistite nei bambini. Urinocoltura: consente di rilevare nel campione di urina la presenza di batteri- alimentazionebambini.it by COOP

Urinocoltura come prelevare la pipì a un bambino piccolo

Quando i bimbi sono spannolinati e un po’ più grandicelli prelevare loro la pipì è meno complesso, quando sono neonati o piccolissimi è necessario l’ausilio di appositi sacchetti sterili per la raccolta delle urine. Per un esame il più possibile attendibile è bene che le urine non siano contaminate, qui alcuni suggerimenti pratici per evitarlo e, quindi, per evitare di dover ripetere l’esame.

Per istinto il neonato e il bambino col pannolino (quello che non ha ancora raggiunto il controllo degli sfinteri) liberano la pipì appena svegli e la raccolta va fatta con la prima urina del mattino e col bambino a stomaco vuoto. Cercando di non svegliare il bambino, dopo aver accuratamente lavato le mani:

  • spogliatelo del pantaloncino e lasciatelo nel lettino col pannolino aperto;
  • l’ideale sarebbe detergere bene la zona genitale con una garza imbevuta di soluzione fisiologica;
  • solo in ultimo aprite la sacchetta sterile facendo attenzione a non introdurre le dita all’interno della stessa. La sterilità va preservata il più possibile è per questo che la sacca va aperta appena prima di applicarla;
  • svegliate il bambino dolcemente cercando di attirare la sua concentrazione sensoriale sulle vostre carezze e coccole.

Sintomi più comuni di cistite nei bambini

La cistite nei bambini è una condizione molto comune, ma spesso viene trascurata o sottovalutata. Di solito si manifesta con:

  • l’urgenza di urinare;
  • lo stimolo frequente a urinare;
  • il bruciore o il dolore durante la minzione;
  • prurito;
  • l’emissione di urine torbide o di sangue;
  • sensazione di pesantezza nell’addome e crampi al basso ventre.

Quando la cistite dipende da una infezione batterica possono insorgere anche:

  • febbre, persino alta;
  • dolore molto acuto con sensazione dolorosa nell’area dell’addome e della schiena;
  • sangue evidente nelle urine;
  • stato generale di salute non buono.

Per trattare la cistite nei bambini, si possono utilizzare farmaci per alleviare i sintomi, come analgesici o antinfiammatori, ma anche antibiotici per combattere l’infezione batterica, ove presente.

Come si cura la cistite nei bambini

Quale è il trattamento più efficace per la cistite nei bambini? L’auto-prescrizione di farmaci va sempre evitata, men che meno quando si ha a che fare con i bambini. Gli antibiotici possono avere una serie di effetti collaterali che vanno dalle reazioni avverse lievi, che comprendono nausea, vomito e diarrea a quelle, in rari casi, più gravi, per esempio allergie cutanee o respiratorie, dolori muscolari o problemi renali o epatici.

Inoltre, l’uso prolungato o improprio degli antibiotici può portare alla cosiddetta resistenza antibiotica, senza contare che può anche indebolire le difese immunitarie del corpo. Pertanto solo il medico può indicare la necessità del ricorso all’antibiotico in caso di cistite. Se sospettate che questa condizione affligga i vostri bambini, rivolgetevi sempre al Pediatra.

Integratori alimentari con probiotici per la cura della cistite nei bambini

A completamento della cura e persino come prevenzione, è consigliabile l’assunzione di integratori alimentari con probiotici, anche dopo il termine del trattamento farmacologico. A cosa servono i probiotici? Possono sostenere un corretto equilibrio microbico intestinale e prevenire danni secondari causati dagli effetti collaterali dei farmaci, in modo particolare dagli antibiotici.

Ai genitori si raccomanda di monitorare attentamente i bambini e di non sottovalutare la cistite nell’infanzia, se trascurata corre il rischio di diventare un problema cronico. In modo particolare è raccomandato un consulto col pediatra in caso di sintomi persistenti o di ricorrenti episodi di cistite nei bambini. Resta importante cambiare le abitudini alimentari: bere molti liquidi per diluire le urine, evitare gli alimenti irritanti, mangiare sano.

Possono determinare questa condizione l’esposizione a batteri, per esempio Escherichia coli o Pseudomonas aeruginosa, capaci di entrare nel flusso sanguigno attraverso la pelle intorno all’ano o alla vagina e poi raggiungere la vescica.

Se non trattata in modo appropriato, questa condizione può anche portare a complicazioni gravi. Per questo motivo è estremamente importante prendere sul serio i primissimi segnali della cistite nell’infanzia e individuare un trattamento adeguato per evitare complicazioni future. Pertanto in caso di sintomi persistenti per più di tre giorni o di sintomi peggiorativi è importante contattare immediatamente il proprio Pediatra affinché possa valutare la situazione.

La cistite colpisce in prevalenza le bambine

È più comune tra le donne a causa della loro anatomia. Questo perché le ragazze hanno l’uretra più corta, il che rende più facile per i batteri penetrare nella vescica fino a scatenare un’infezione. È bene educare le bambine a mantenere una corretta igiene intima.

Per prevenire le infezioni delle vie urinarie, le femmine dovrebbero:

  • lavare la vulva ogni giorno;
  • detergerla da davanti verso l’ano e non viceversa, soprattutto dopo essersi scaricate e ciò per evitare una contaminazione da batteri fecali;
  • scaricare la vescica ogni 3-4 ore;
  • indossare intimo di cotone (o in fibre comunque naturali) e cambiare le mutandine tutti i giorni.

Rimedi naturali contro la cistite

1. Bere molta acqua: l’acqua potabile aiuta a diluire le urine ed eliminare le tossine dal sistema.

2. Il tè alla menta può essere utile per migliorare il flusso urinario e ridurre il dolore.

3. Il succo di mirtillo può essere efficace nel ridurre i sintomi della cistite. Il mirtillo rosso, in particolare, può essere un ottimo supporto per il trattamento della cistite nell’età pediatrica. Contiene proantocianidine che aiutano a ridurre l’infiammazione delle vie urinarie. Può essere consumato sotto forma di succo o aggiunto alla dieta come frutta fresca o surgelata.

4. Bere tisane a base di erbe: alcune tisane a base di erbe possono essere utili per alleviare i sintomi della cistite (camomilla, salvia, semi di pompelmo, aceto di mele, equiseto e bardana).

5. Utilizzare prodotti a base di bicarbonato di sodio: il bicarbonato di sodio è un prodotto sicuro ed efficace per alleviare i sintomi della cistite.

6. Mangiare cibi ricchi di vitamina C: la vitamina C può aiutare a rafforzare il sistema immunitario ed alleviare i sintomi della cistite.

7. Utilizzare un impacco tiepido o una borsa dell’acqua calda può aiutare a ridurre il dolore e l’infiammazione.

8. Utilizzare l’olio essenziale di tea tree noto per essere un rimedio utile contro la cistite.

9. Bere acqua e miele perché contiene zuccheri naturali che hanno proprietà anti-batteriche ed anti-infiammatorie. Può anche aumentare il flusso urinario durante la minzione, riducendo il rischio di infezioni del tratto urinario.

Prevenzione della cistite nei bambinix- alimentazionebambini. It by coop
Prevenzione della cistite nei bambinix- alimentazionebambini.it by COOP

Come prevenire la cistite nei bambini

Integratori alimentari ricchi di vitamina tipo C e D possono anche essere utili per prevenire la cistite nei bambini. Entrambe le vitamine possono rafforzare le difese immunitarie del corpo e aiutare ad evitare una infezione da cistite.

Per prevenire le infezioni delle vie urinarie è consigliabile:

  • bere abbastanza acqua ogni giorno, 8 bicchieri d’acqua al giorno concorrono a mantenere una buona salute generale;
  • urinare regolarmente e non trattenere la pipì;
  • pulire la zona genitale dopo aver urinato e lavarla dopo essersi scaricati;
  • assicurati di usare un detergente delicato adatto per le zone intime;
  • indossare biancheria intima di cotone o in fibre naturali e traspiranti;
  • cambiare la biancheria quotidianamente;
  • lavarsi le mani frequentemente;
  • seguire una dieta sana e bilanciata.

Alle figlie femmine va insegnata anche l’igiene durante il ciclo mestruale: le infezioni delle vie urinarie e in generale la salute delle vie urinarie impongono di cambiare spesso gli assorbenti durante il ciclo mestruale e di lavarsi spesso.

Quanto è comune la cistite nei pazienti più piccoli

La cistite nei bambini è abbastanza comune con una prevalenza variabile in base all’età. Si stima che fino al 10% dei bambini in età scolare ne abbia sofferto almeno una volta nell’arco di un anno.

Secondo uno studio condotto da JAMA Pediatrics nel 2018, la prevalenza della cistite nei bambini di età compresa tra 5 e 9 anni è del 5%. Nella fascia d’età 10-14 anni, la prevalenza sale al 17%, mentre nella fascia d’età 15-19 anni si attesta intorno al 25% di pazienti incorsi in infezioni delle vie urinarie.

Tuttavia, la frequenza della diagnosi di cistite può variare notevolmente anche in base a fattori quali l’area geografica, le abitudini igieniche e l’assunzione di antibiotici.

Cistite e infiammazione da sostanze irritanti

È possibile incorrere nel disturbo come conseguenza della esposizione a un ingrediente di un detergente per l’igiene intima. Questa condizione può interessare anche l’adulto.

Cistite nei bambini, quando chiamare subito il pediatra - alimentazionebambini. It by coop
Cistite nei bambini, quando chiamare subito il Pediatra – alimentazionebambini.it by COOP

Cistite nei bambini, quando chiamare subito il Pediatra

Nella maggior parte dei casi questa infezione delle vie urinarie è gestibile senza allarmi, tuttavia è consigliabile chiamare il medico subito se:

  • il dolore che il bambino accusa appare come insostenibile;
  • la febbre è molto alta (oltre i 39°);
  • il dolore si irradia nell’area della pancia e della schiena;
  • le urine sono color sangue;
  • il bambino urina molto poco.

Con la supervisione di:

Dott.ssa Margherita Caroli Pediatra

Prof. Andrea Vania Pediatra